Perché la traduzione di siti web è più complessa che mai

Scopri come una soluzione proxy chiavi in mano per la traduzione demistifica e semplifica la localizzazione di siti web.

Avatar Craig Witt
Craig Witt

26 giugno 2018

LETTURA 2 MIN

I siti web moderni sono molto più complessi, rispetto alle pagine HTML statiche del passato. Questo significa che la localizzazioni di tali siti web, per i clienti globali, può essere davvero difficoltosa, se non impossibile, per gran parte dei team interni all'azienda e per i fornitori di servizi di traduzione.

Le applicazioni incluse, gli script personalizzati e i contenuti dinamici rendono il processo di identificazione dei contenuti traducibili del sito web estremamente difficoltoso e che spesso si rivela un pesante fardello che grava sul team tecnico e di marketing all'interno dell'azienda. Anche i fornitori si bloccano di fronte a tale complessità tecnica.

Mentre i tuoi siti web si evolvono, adottando meccanismi più complessi per acquisire e fidelizzare i clienti, hai bisogno di un approccio traduttivo che sia tanto sofisticato, quanto i contenuti che stai offrendo online, sebbene semplice da utilizzare, allo stesso tempo.

La traduzione di siti web: quello era il passato, questo è il presente

Agli albori del web, molti siti erano codificati semplicemente con il linguaggio HTML, con contenuti di tipo testuale. Questi contenuti erano facili da identificare, tradurre e pubblicare. I team di marketing e tecnologici potevano fare affidamento su delle tecnologie semplici, come i collegamenti CMS, per accedere ai contenuti online, esportarli, tradurli e reintegrarli all'interno delle versioni globali dei siti.

Tuttavia, l'approccio del passato alla traduzione di siti web non è più adatto per rispondere alle tecnologie online all'avanguardia di oggi. Oggigiorno, i siti web offrono delle esperienze personalizzate per ogni utente. Ma questo livello di personalizzazione crea moltissime complessità e confusione per gli approcci traduttivi tradizionali.

Il processo manuale per identificare e taggare i contenuti traducibili è farraginoso su poche pagine, ma praticamente impossibile da adottare per la struttura dei siti web moderni.

Ad esempio, i contenuti popolati attraverso le applicazioni, come il sistema di informazioni di un prodotto o la piattaforma del carrello acquisti, non sono identificabili attraverso la tipica scoperta dei contenuti e i metodi traduttivi tradizionali. Essi richiedono molteplici esportazioni, copie e reintegrazioni dei contenuti stessi, nonché accertarsi che le traduzioni risultanti non ledano la grafica esistente del sito o il suo funzionamento.

Moltiplica questo processo per centinaia, se non migliaia di possibili pagine, volte a garantire un'esperienza personalizzata nel sito, e avrai superato di gran lunga la capacità e la capienza persino delle tecnologie proxy tradizionali, figuriamoci quelle dei tuoi team tecnologici interni.

La soluzione per questo farraginoso problema è di prendere il meglio da entrambi i mondi, ovvero le più avanzate tecnologie proxy di traduzione e l'elevata esperienza umana nella gestione dei siti web multilingue, e immaginare un nuovo modo di creare i siti web multilingue.

L'approccio proxy chiavi in mano

Se la tua azienda dispone di una presenza online sostanziale e complessa, la sola vera soluzione per creare e mantenere i siti multilingue è un proxy di traduzione chiavi in mano.

Questo approccio avanzato e ibrido alla traduzione di siti web può affrontare i siti più dinamici e complessi, rendendo sia la traduzione che la gestione dei contenuti tradotti molto più semplice. Alcuni dei vantaggi dell'approccio proxy chiavi in mano:

  • le sue tecnologie intelligenti per il crawling dei siti web possono identificare i nuovi contenuti traducibili, praticamente in tempo reale, e li accodano in automatico per la traduzione, appena vengono individuati;
  • è in grado di identificare e tradurre i contenuti visualizzati attraverso complesse applicazioni di terze parti o integrazioni, come le piattaforme E-commerce, i moduli di recensione dei prodotti o le funzionalità dell'assistenza clienti, persino i contenuti offerti mediante script;
  • è in grado di individuare i contenuti multimediali, come le immagini, i file video o i PDF;
  • può far leva sulle API per accodare i contenuti non residenti per la traduzione, come le informazioni trovate nei PIM o per i marketplace virtuali.

Conclusione

Una soluzione proxy chiavi in mano può semplificare radicalmente la complessità del processo delle intricate necessità traduttive dei giorni nostri, abbassare i costi di traduzione ed erogare risorse specializzate ed esperte, di cui hai bisogno per gestire persino i più avanzati siti web di oggi.

Insisti per lavorare con un provider proxy chiavi in mano, che possa coordinare la traduzione e la gestione dell'esperienza potente e dinamica del tuo sito. Questo tipo di partnership ti garantisce di rimanere concentrato sulla cosa più importante: far crescere il tuo business globale.

Avatar Craig Witt
Craig Witt

26 giugno 2018

LETTURA 2 MIN