Quando dovresti rimuovere una migliore pratica dal tuo sito globale?
 
Avatar di Logan LenzDi: Logan Lenz
07 marzo 2016

Quando dovresti rimuovere una migliore pratica dal tuo sito globale?

Consiglio: probabilmente mai. Scopri come un venditore al dettaglio ha perso molto quando ha rimosso dal suo sito web localizzato una migliore pratica esclusiva di MotionPoint per la generazione di traffico e ricavi.

 

Non è raro per le agenzie di marketing digitale condividere portafogli pieni di design invitanti e metriche impressionanti che gridano al mondo: "Ecco perché facciamo bene quel che facciamo". (Di fatto, di questi tempi, tale tipo di ostentazione è dovuta).

Di certo, puoi dare un'occhiata al sito web di MotionPoint e trovare esempi in cui noi facciamo la stessa cosa. Perché non dovremmo? Abbiamo aiutato alcuni dei più grandi marchi del mondo a generare successi impressionanti in nuovi mercati nazionali e internazionali.

Tuttavia, che succederebbe se guardassimo alle prestazioni da un altro punto di vista... da uno che prende in considerazione un risultato negativo invece di uno positivo? Dopotutto, spesso i fallimenti possono essere insegnanti migliori dei successi.

Ecco un esempio che dovrebbe illustrare gli effetti che si hanno su un sito web localizzato quando un cliente sceglie di non fare qualcosa di eccezionale (che altrimenti aumenterebbe l'attrattiva sui clienti globali).

Let's first review a table that highlights the impact of removing MotionPoint's exclusive EasyLink® Management technology. La gestione EasyLink fa parte della suite di servizi Global Growth Core di MotionPoint. Migliora l'esperienza dell'utente su un sito web localizzato suggerendo automaticamente le impostazioni relative a Paese, lingua, valuta e conformità per i visitatori nei mercati globali.

Questa tabella si concentra sulle prestazioni del sito web, confrontando il 2014 e il 2015. Presenta i dati riguardanti impressioni, coinvolgimento e obiettivi di conversione. (Normalmente, non inseriremmo così tanti dati in una tabella, ma i risultati erano semplicemente troppo interessanti per non indagare oltre).

Metriche 2014 2015 %?
Totale visite 324,625 199,798 -38%
Totale visualizzazioni pagine 918,273 506,115 -45%
Pagine per visita 2.8 2.5 -11%
Tempo sul sito 0:03:40 0:03:00 -18%
Tasso di abbandono 57.7% 61.4% 6%
Conversione 1 7,387 3,913 -47%
Conversione 2 12,226 6,061 -50%
Conversione 3 25,571 19,347 -24%
Conversione 4 0.70% 0.36% -49%

Le voci di tutte le nove righe si riferiscono al periodo che va dal 2014 al 2015. Inizialmente la cosa ci ha lasciato perplessi, considerando che sul sito non è cambiato nulla oltre alla singola rimozione della gestione EasyLink avvenuta nel 2° trimestre del 2014. I dati osservati si riferiscono al 1° trimestre di entrambi gli anni.

Perché MotionPoint sceglierebbe di evidenziare queste analisi in un modo così aggressivo? La risposta è piuttosto semplice: non solo l'aggiunta delle nostre tecnologie proprietarie e migliori pratiche di ottimizzazione alle esperienze del sito web multilingue dei nostri clienti porta ad aumenti nelle metriche riportate sopra, ma la loro rimozione può portare a un drammatico calo nei KPI.

Raccontiamo una storia simile prendendo in considerazione un sito di e-commerce.

Lo scorso anno, prima dell'incredibile afflusso di traffico delle feste, uno di nostri clienti e-commerce ha deciso di minimizzare le "parti mobili" del suo sito e disconnettere tutte le tecnologie di terzi. L'obiettivo? Esercitare un controllo completo sugli aspetti del sito, in qualsiasi momento, durante le feste. (L'azienda non sapeva che, con le nostre tecnologie e migliori pratiche, aveva sempre mantenuto il controllo, ma di questo parleremo in un altro post).

In poche parole, a MotionPoint fu chiesto di rimuovere la sua coinvolgente tecnologia di gestione EasyLink appena prima del Black Friday. Ciò nonostante l'aver lanciato lo strumento pochi mesi prima con un successo travolgente.

Questo grafico rappresentante il traffico quotidiano offre un'istantanea perfetta delle conseguenze.

Come puoi vedere, la migliore pratica di individuare gli utenti non anglofoni e spingerli verso il loro sito web preferito fu attivata a fine settembre. È allora che si è verificato un immediato aumento del traffico pari al 786%. Da lì, è aumentato ancora del 125% quando ha raggiunto il picco massimo appena prima del Black Friday.

Il giorno successivo, non appena la migliore pratica è stata rimossa, il traffico è calato immediatamente del 56% ed è tornato ai suoi livelli originali (che sono i minimi pre-migliore pratica). A peggiorare le cose, il cliente non ha riattivato la gestione EasyLink per un altro po' di mesi.

Se aggiungiamo anche i numeri relativi ai redditi per le tre fasi, non osserviamo solo quanto valore era portato dalla migliore pratica, ma anche quanti ricavi sono stati persi nei mesi successivi:

Prima di EasyLink EasyLink attivo EasyLink non attivo
Visite 282 22,716 11,540
Ricavi $534 $7,371 $981

L'aspetto più disarmante di questa scoperta è che la fase successiva comprende Black Friday, Cyber Monday e l'intero periodo delle feste. Solo perché la migliore pratica non era attiva, l'azienda di e-commerce ha perso decine di migliaia di dollari di ricavi.

Conclusione

Evidenziando come un'azienda può alienare i clienti (e perdere ricavi) rimuovendo una tecnologia che aumenta il coinvolgimento, speriamo di aver illustrato il valore di abbracciare, e mantenere, una migliore pratica di estrema importanza per i siti web localizzati.

In questo caso, le aziende non dovrebbero fare affidamento solo sul fatto che i visitatori del sito web internazionale si prendano la briga di navigare verso il sito localizzato preferito. Con una soluzione di gestione come EasyLink, le aziende possono invece condurre i clienti verso la destinazione online appropriata. I risultati finali, tra cui tassi di conversione e ricavi più alti, possono essere importanti.

 

Logan Lenz

Responsabile delle strategie globali online

Web marketer e imprenditore di lunga data, Logan Lenz ha una vasta esperienza nel campo della SEO, dei social media e del marketing per le nuove imprese e per le aziende già consolidate. Prima di unirsi a MotionPoint, Logan è stato titolare di un'agenzia sul web a servizio completo. Prima ancora ha frequentato la University of Central Florida dove ha conseguito la laurea in amministrazione aziendale. Logan si sforza di imparare qualcosa di nuovo ogni giorno, in particolare nel campo del marketing online emergente e delle tendenze e strategie pubblicitarie.

 

Chi è MotionPoint

MotionPoint aiuta i marchi a crescere attirando nuovi clienti in tutto il mondo.

La piattaforma pronta all'uso di MotionPoint, il servizio di traduzione di siti web più efficace al mondo, combina tecnologia innovativa, big data, traduzioni di qualità e una profonda conoscenza del marketing internazionale. L'approccio di MotionPoint garantisce la qualità, la sicurezza e la scalabilità necessarie per avere successo in un mercato globale sempre più competitivo, sia online che offline.

 

La piattaforma di globalizzazione leader nel mondo per le aziende

Contattaci