Per girare il mondo bisogna passare per tutti gli schermi
 
Avatar di Chris HutchinsDi: Chris Hutchins
25 settembre 2015

Per girare il mondo bisogna passare per tutti gli schermi

L'adozione di smartphone a livello globale sta aumentando rapidamente. Qual è il modo più intelligente per garantire che i contenuti localizzati di un'azienda vengano visualizzati appropriatamente su tutti i canali digitali?

 

Sono sempre di più i consumatori di tutto il mondo che utilizzano diversi schermi e dispositivi per accedere ai contenuti. Le esperienze coerenti e di alta qualità su smartphone, tablet, PC desktop e altri dispositivi non possono più essere una prerogativa dei siti web in lingua inglese.

Ciò rappresenta una sfida interessante per i marchi globali lungimiranti, che devono anche garantire che i propri contenuti internazionali siano localizzati su tutti gli schermi.

Perché è importante fornire esperienze localizzate coerenti sui vari dispositivi?

Innanzitutto, il panorama del consumo dei contenuti è radicalmente diverso rispetto ad alcuni anni fa. Lo scorso anno, il traffico web da dispositivo mobile ha superato abbondantemente quello da computer, ed è tuttora in crescita.

L'adozione di smartphone a livello globale sta aumentando rapidamente. In Vietnam, il terzo mercato di smartphone in più rapida crescita al mondo (con un'utenza in espansione, solo quest'anno, di quasi il 25%), nove adulti su 10 oggi possiedono uno smartphone. Le aziende si stanno muovendo di conseguenza. La spesa per gli annunci pubblicitari globali su dispositivo mobile sta aumentando. Quest'anno, ad esempio, la spesa per gli annunci pubblicitari su dispositivi mobili in Messico aumenterà del 76%, arrivando a 391,4 milioni di dollari.

I consumatori di tutto il mondo stanno passando molto tempo sui propri smartphone e tablet. Secondo un'indagine del 2014 su 14.000 intervistati in 14 Paesi, la maggior parte delle persone consuma più contenuti multimediali dai propri smartphone che dalla televisione. Il 60% degli intervistati ha affermato di trascorrere la maggior parte del tempo online sui dispositivi mobili.

Anche l'esperienza sul secondo schermo gode di ottima salute su scala globale. Il 61% degli intervistati ha affermato di trascorrere più tempo a navigare sul Web da dispositivo mobile che a guardare la TV (questo dato arriva quasi al 95% negli Stati Uniti). Questi utenti inviano messaggi sui social network e fanno acquisti.

La sinergia tra adozioni di trend, consumo e livello di coinvolgimento getta solide basi per le aziende, specialmente per quelle che si sono espanse nei mercati internazionali.

Ma qual è il modo più intelligente per garantire che i contenuti localizzati di un'azienda vengano visualizzati accuratamente su tutti i canali digitali?

Fase 1: web design responsivo

Il design responsivo, una best practice già adottata da molte aziende per i propri siti in inglese nel mercato primario, aiuta a partire da una base solida. Il web design responsivo si adatta al dispositivo di un utente all'istante, ottimizzando la presentazione dei contenuti in termini di dimensione, risoluzione e orientamento.

Se il design è progettato con cura, i contenuti avranno lo stesso aspetto su browser desktop, tablet e telefoni:

Web design responsivo (immagine gentilmente concessa da Google)

Se il sito per il mercato principale della tua azienda non ha un design responsivo, è probabile che abbia risentito dell'aggiornamento mobile-friendly di Google di aprile, noto anche come "mobilegeddon". Questo aggiornamento algoritmico ha incrementato il posizionamento delle pagine web mobile-friendly nei risultati della ricerca da dispositivo mobile e penalizzato quelle meno mobile-friendly (i dati preliminari suggeriscono che alcuni siti hanno riscontrato perdite significative a livello di traffico, compresi Reddit (-27%), NBC Sports (-28%) e altri ancora).

L'aggiornamento ha avuto un impatto anche sui siti localizzati per i mercati internazionali. Una ricerca recente di MotionPoint ha rivelato che le aziende che non hanno implementato migliori pratiche mobile-friendly per i propri siti globali hanno assistito a una diminuzione del 20% delle impressioni online e a un calo del 17% delle impressioni totali. Caspita!

Il design responsivo è apprezzato per la sua flessibilità. Secondo quanto scrive Jim Robinson dell'agenzia di marketing digitale Clickseed, dopo il lancio questi siti sono semplici ed economici da mantenere. Inoltre hanno meno problemi di implementazione. Il design responsivo fornisce un unico sito adattabile a tutti i dispositivi, senza la necessità di annotazioni complicate, identificazioni dei dispositivi o reindirizzamenti.

Questo metodo prevede però un approccio attento al design, e il lancio può richiedere più risorse. In questo caso, come ha spiegato Logan Lenz, responsabile delle strategie globali online del team Global Growth di MotionPoint, i costi sono relativamente bassi.

"La creazione di un sito web responsivo richiede un maggior lavoro di codifica iniziale, ma è un po' come costruire le colonne portanti di una casa", ha affermato. "Se le colonne sono abbastanza solide, sarà possibile aggiungere un secondo piano, qualora si desideri ingrandire la casa. La manutenzione è un aspetto minore delle spese ordinarie di un'azienda. Non sono necessari file aggiuntivi. Non sono necessari più server. "Si riduce tutto a un solo sito web".

Tuttavia, i siti responsivi non sono siti per dispositivi mobili. Questi ultimi offrono user experience incentrate sul mobile che, generalmente, risultano superiori all'approccio responsivo. Ma per arrivare a una presentazione dei contenuti impeccabile bisogna scendere a compromessi. Poiché questi siti hanno un URL separato, il traffico di ricerca organico può essere diluito. La link equity può diminuire, con conseguenze sulla ricerca, mentre i costi di manutenzione possono aumentare.

Logan ha sottolineato che Google raccomanda il web design responsivo.

"La scelta migliore oggi è garantire che i siti principali risiedano in un unico dominio e servano gli utenti su tutti i dispositivi", ha proseguito Logan.

Fase 2: localizzazione basata su proxy

Le aziende che attualmente gestiscono siti in inglese destinati al mercato principale con il design responsivo hanno risolto brillantemente la sfida "un sito, più schermi". Spesso però queste organizzazioni temono che il lancio di siti internazionali richieda il doppio degli sforzi a livello di spesa, e ancora più lavoro e denaro per la progettazione di numerosi siti responsivi unici per i vari mercati secondari.

Non deve per forza essere così. L'Approccio Proxy alla localizzazione, introdotto da MotionPoint ben 15 anni fa, si adatta bene a tutti i sistemi di gestione e design di siti web. A prescindere dal sistema di gestione dei contenuti o dalla filosofia di progettazione, questo metodo neutrale è sicuro ma autonomo e rende più facile, veloce ed economico lanciare e mantenere i siti tradotti.

L'approccio Proxy Plus alla localizzazione di siti web, un'esclusiva di MotionPoint, offre ancora più vantaggi poiché incorpora strumenti esclusivi, tecnologie e professionisti esperti per garantire una crescita sostenuta nei mercati internazionali.

I siti localizzati con Proxy Plus fanno davvero la differenza. Tecnologie esclusive quali il rilevamento della lingua di preferenza e le ottimizzazioni della user experience creano esperienze su misura per i visitatori nei diversi mercati e quantificano il miglioramento ottenuto attraverso l'adozione di tali ottimizzazioni.

Associato al design responsivo, questo approccio offre contenuti localizzati risonanti nei mercati globali e ottimizza la presentazione su ogni dispositivo. Così l'azienda dovrà occuparsi di mantenere un unico sito (quello inglese del mercato principale) e i siti internazionali staranno al passo.

"A dire il vero, oggigiorno tutti i siti web dovrebbero avere un design responsivo", ha affermato Logan. "Se la tua azienda offre ancora un'esperienza tradizionale ai visitatori da dispositivo mobile, indipendentemente dalla lingua del sito, senza dubbio quei visitatori stanno abbandonando il tuo sito web. Il risultato è la perdita di nuovi clienti e ricavi potenziali".

 

Chris Hutchins

Specialista in comunicazioni di marketing

Chris Hutchins helps produce MotionPoint's marketing and sales materials.

 

Chi è MotionPoint

MotionPoint aiuta i marchi a crescere attirando nuovi clienti in tutto il mondo.

La piattaforma pronta all'uso di MotionPoint, il servizio di traduzione di siti web più efficace al mondo, combina tecnologia innovativa, big data, traduzioni di qualità e una profonda conoscenza del marketing internazionale. L'approccio di MotionPoint garantisce la qualità, la sicurezza e la scalabilità necessarie per avere successo in un mercato globale sempre più competitivo, sia online che offline.

 

La piattaforma di globalizzazione leader nel mondo per le aziende

Contattaci