Spagnolo contro spanglish: quale approccio è il migliore per il mercato B2B ispanico statunitense?

Pensi che dovresti offrire i tuoi servizi online ai clienti B2B ispanici in spagnolo, in inglese o in inglese ispanizzato?

Avatar Craig Witt
Craig Witt

04 aprile 2018

LETTURA 4 MIN

Quando si tratta di fare affari con gli ispanici statunitensi, avrai già realizzato che è meglio rivolgersi a loro nella lingua che preferiscono. Ma c'è un'altra domanda relativa alla traduzione che devi farti se vuoi avere successo con i clienti B2B:

Utilizzare lo spagnolo? o la combinazione di inglese e spagnolo chiamato "spanglish", diffuso in alcuni Paesi?

Rispondere a questa domanda è fondamentale, specialmente quando si tratta dell'area altamente specializzata del B2B. Non ti puoi permettere passi falsi in quest'area della tua strategia di marketing. Ma non puoi neppure ignorarla.

Ecco cosa c'è da sapere.

Cosa si aspettano i clienti B2B

Oggi, non è inusuale sentire gli esperti di marketing raccomandare l'uso dello spanglish per rivolgersi agli ispanici statunitensi. È una strategia che ha senso quando il target sono i consumatori B2C dai 20 fino ai 30 e anche alcuni anni di più, i Millennial. I Millennial ispanici statunitensi usano spesso sia l'inglese che lo spagnolo nelle loro comunicazioni di ogni giorno.

Ma molto di quello che senti sul marketing in spanglish è rivolto in particolare ai consumatori, non alle imprese. Le esigenze imprescindibili per la vendita B2B nel mercato ispanico statunitense sono ancora in divenire poiché le aziende stanno attualmente sperimentando i modi per raggiungere questa parte poco battuta del più vasto mercato B2B statunitense.

La strategia che prevede la vendita B2B nel mercato ispanico statunitense è ancora in divenire, come lo è l'uso dello "spanglish" per rivolgersi alle aziende.

Tuttavia, c'è un concetto che sta arrivando in modo molto chiaro. I proprietari d'azienda sono votati a un valore caro alla maggior parte degli imprenditori:

la professionalità.

Comunque si decida di comunicare con le aziende ispaniche statunitensi, l'importante è che i contenuti tradotti trasmettano un senso di professionalità. E molti imprenditori percepiscono lo spanglish come una variante troppo colloquiale e informale per l'ambito professionale.

Lo spagnolo formale è più adatto al settore commerciale

Lo spanglish si sta diffondendo sempre di più tra i giovani ispanici statunitensi e, per questo, viene spesso ancora associato alla cultura giovanile. In molti ambienti, il termine "LOL" inserito in un messaggio è percepito come slang. Rispecchia il mondo dei social e, in quanto tale, è molto adatto ai rapporti interpersonali. Ma non è l'ideale in ambito lavorativo e di affari.

Inoltre, i proprietari d'azienda sono alla ricerca di partner B2B su cui fare affidamento per capirne i bisogni e rapportarvisi in maniera professionale. Ecco a cosa servono i contenuti tradotti: a mostrare in che modo i tuoi servizi e la tua capacità di soddisfare i loro bisogni, nel momento e nel modo più opportuni, possono risolvere i loro problemi.

La connessione che orienta verso di te le decisioni di acquisto è proprio questa. E quello che conta è riuscire a stabilire tale connessione a livello professionale e non interpersonale.

Pro e contro dello spanglish

Ma il fatto che i clienti B2B hanno un approccio più professionale non vuol dire dover ignorare completamente lo spanglish. Ci sono occasioni in cui l'uso di spagnolo e inglese insieme può aiutare. Il punto è sapere quando.

Per esempio, se dovessi tradurre i tuoi contenuti in spanglish per:

  • Manuali di istruzioni, soprattutto se rivolti ai Millennial ispanici statunitensi
  • Materiale destinato in special modo ai giovani ispanici statunitensi cresciuti esclusivamente negli Stati Uniti.
  • Strumenti online rivolti agli utenti noti per la loro forte propensione all'uso dello spanglish.
Ci sono occasioni in cui l'uso di spagnolo e inglese insieme può aiutare. Il punto è sapere quando.

Ma è importante ricordare che lo spanglish comporta anche alcuni importanti svantaggi per il mercato B2B:

  • Dipende dal modo e dal luogo in cui si sono frequentate le scuole. Gli ispanici statunitensi che hanno frequentato le scuole in Paesi di lingua spagnola hanno una minore dimestichezza con lo spanglish rispetto a quelli cresciuti negli Stati Uniti.
  • Tende a essere unidirezionale. Le persone che parlano spanglish di solito hanno dimestichezza anche con lo spagnolo, ma non si può dire il contrario. Inviare messaggi in spanglish non è un metodo efficace per raggiungere chi parla lo spagnolo come prima lingua.

Conosci i tuoi clienti

Morale della favola: conosci i tuoi clienti B2B. Comprendere le loro esigenze, gli stimoli a cui rispondono e le loro preferenze aumenta la probabilità che si colleghino con te e che abbiano fiducia nei tuoi prodotti e servizi.

Quindi, quando si tratta di tradurre contenuti per chi prende le decisioni in ambito B2B, ricordati chi sono:

Lavorano in gruppi

Le decisioni di acquisto B2B sono spesso prese da team verosimilmente composti da persone con diversi livelli di conoscenza dell'inglese, dello spagnolo e dello spanglish.

Sono tradizionalisti

Le decisioni sui grandi acquisti vengono di solito approvate dai livelli alti di dirigenza. Questi professionisti sono tendenzialmente meno giovani e più tradizionalisti dei Millennial e probabilmente considerano lo spanglish troppo informale per il settore commerciale.

Questi potrebbero avere lo spagnolo come prima lingua

Quasi il 35% della popolazione ispanica statunitense è nata all'estero, secondo l'ultimo censimento degli Stati Uniti. Ciò vuol dire che lo spagnolo è probabilmente la loro prima lingua, e la lingua nella quale si trovano più a proprio agio a fare affari.

Il concetto alla base di tutto

Alcuni parleranno un inglese perfetto, altri spanglish, altri ancora spagnolo. Dovrai riuscire a convincere tutti loro a scegliere il tuo marchio. Il modo migliore e più sicuro per farlo è di fornire i tuoi contenuti di marketing in spagnolo, oltre che in inglese, in modo da rivolgerti a tutti loro.

Quando scegli un partner per le tue traduzioni, affidati a esperti di B2B di primo livello che possano offrire eccellenti traduzioni in spagnolo, qualunque sia il tuo CMS, capaci di fornirti un servizio "chiavi in mano", per alleggerire il carico per il tuo team.

Avatar Craig Witt
Craig Witt

04 aprile 2018

LETTURA 4 MIN