MotionPoint parla del nuovo sistema fiscale cinese con WSJ

Il nostro SVP fornisce informazione per quanto riguarda i prezzi e le richieste.

Avatar di MotionPoint
MotionPoint

01 aprile 2016

LETTURA 1 MIN

Un executive di MotionPoint ha di recente condiviso la prospettiva della sua azienda su un nuovo sistema di tasse Cinese con il Wall Street Journal "Report di logistica".

I rivenditori elettronici specializzati in e-commerce oltreconfine, e i loro clienti cinesi, possono sentirsi eccessivamente oberati dalle imposte a causa di un incremento nella "pressione fiscale" alla quale sono sottoposti i prodotti esteri quando sono spediti da rivenditori e-commerce oltreconfine, così come riporta l'articolo.

Questo incremento, insieme agli altri precetti (quali quelli che interessano i prodotti esteri inviati direttamente ai consumatori cinesi, saranno ora soggetti a tariffe e imposte aggiuntive), entreranno in vigore a partire da venerdì prossimo, il 8 Aprile.

Mentre queste manovre serviranno per pareggiare i prezzi dei prodotti locali e di quelli esteri, è chiaro che tale manovra causerà una riduzione della richiesta in ambito e-commerce oltreconfine, come ha affermato Charles Whiteman di MotionPoint al journal.

Tuttavia, tale riduzione potrebbe essere modesta, specialmente per prodotti occidentali di alto profilo, come ha spiegato l'SVP di MotionPoint al Servizio Clienti.

Infatti i consumatori cinesi scelgono da tempo di pagare di più per i prodotti occidentali, come ad esempio il latte in polvere e i prodotti per bambini; si tratta di un fenomeno che abbiamo segnalato lo scorso novembre (e che riteniamo sia destinato ad aumentare nei prossimi anni).

Leggi la storia completa su The Wall Street Journal .

Avatar di MotionPoint
MotionPoint

01 aprile 2016

LETTURA 1 MIN