Gestire un'attività in Québec: gli aspetti linguistici dei quali tenere conto

Una buona padronanza del francese è molto importante per le aziende che si stanno espandendo nella provincia canadese, anche online.

Avatar di Caroline Dal Molin
Caroline Dal Molin

05 maggio 2016

LETTURA 4 MIN

Espandere le proprie attività in Québec è un'ottima decisione dal punto di vista commerciale. Negli ultimi anni, il reddito familiare, la popolazione e l'economia di questa provincia sono infatti cresciuti a un ritmo costante. Questa abile mossa comporta degli obblighi dal punto di vista linguistico, perché i contenuti offline e online della tua azienda devono essere adattati per servire i 6,1 milioni di francofoni che vivono in Québec.

Non si tratta esattamente di un'opzione, ma di un obbligo. Il compito dell'OQLF (Office québécois de la langue française) è verificare che il francese sia la lingua comunemente usata in Québec per le comunicazioni, le transazioni commerciali e il business. Questa agenzia ha anche il compito di garantire la conformità con questa Carta della lingua francese.

Il francese è sempre stato importante per i residenti della provincia del Québec. Infatti, martedì, il governo locale ha proposto di modificare le regole della provincia relative alla segnaletica (ulteriori informazioni verranno fornite più oltre), stabilendo che gli slogan o le descrizioni che forniscono informazioni sulle attività dell'azienda siano scritti in francese.

"Chiunque percorra un'autostrada, cammini su un marciapiede in un'area industriale o si trovi in un parcheggio, saprà che è in Québec", ha dichiarato un funzionario lo scorso martedì, "perché vedrà i cartelli scritti in francese".

Cosa comporta conformarsi con le leggi locali per le aziende?

Che conseguenze hanno queste politiche francocentriche per le aziende canadesi e straniere? Se stai gestendo un business basato su punti vendita fisici in Québec, le insegne dei punti vendita (e altro ancora) devono essere scritte in francese, così come il tuo sito web aziendale.

Tuttavia, le leggi che si applicano ai business che operano solo online sono diverse. Le aziende che non sono fisicamente ubicate in Québec non sono tenute a offrire siti web localizzati per servire i residenti di lingua francese.

Ciò non significa però che non debbano farlo. Oltre l'80% dei residenti del Québec parla il francese come prima lingua (questa percentuale sale al 95%, se si includono i residenti che parlano il francese sia come prima che seconda lingua). Ignorando l'opportunità di offrire servizi a questi consumatori online nella loro lingua preferita significa perdere vendite e fatturato.

Cosa è necessario tradurre?

Ricordati che la parte restante della Carta di OQLF si applica comunque, sia che la tua azienda abbia dei punti di vendita fisici in Québec sia che gestisca il business esclusivamente online. In altre parole, i cataloghi, le brochure, i contratti, le insegne e le etichette dei prodotti devono essere in francese. Alcuni degli obblighi legali generali includono:

Cataloghi e brochure

In linea di massima, i cataloghi, le brochure, i depliant, gli annuari commerciali e le pubblicazioni simili devono essere resi disponibili in francese. I documenti possono essere bilingui o resi disponibili in due versioni - una esclusivamente in francese e l'altra in un'altra lingua - a condizione che l'accessibilità e la qualità della versione francese siano equiparabili a quelle delle versioni in altre lingue.

Software informatico

Tutto il software, compresi i giochi e i sistemi operativi devono essere resi disponibili in francese. Il software può naturalmente essere disponibile in altre lingue, a condizione che la versione francese sia tecnicamente equivalente a quella delle altre versioni.

Etichette dei prodotti

Tutte le informazioni riportate sui prodotti e tutti i documenti allegati al prodotto (come garanzie e avvertenze) devono essere scritti in francese. Le informazioni in francese possono essere abbinate a una traduzione, purché venga dato più risalto al testo francese.

Cartelli pubblici, poster e pubblicità commerciale

Generalmente, i cartelli pubblici e i poster possono essere in francese e in un'altra lingua, purché la versione in francese sia "visibile in maniera predominante".

Ci sono tuttavia due casi in cui la pubblicità commerciale deve essere esclusivamente in francese. Il primo caso è rappresentato dalla pubblicità commerciale mostrata su cartelloni, segnaletica o poster situati e visibili ad almeno 16 metri da qualsiasi autostrada pubblica (a meno che tale pubblicità non sia esposta all'interno dell'edificio dell'azienda). Il secondo caso è rappresentato dalla pubblicità visualizzata su tutti i mezzi di trasporto pubblici o all'interno degli stessi e nei luoghi di accesso ai mezzi di trasporto.

In base agli emendamenti proposti martedì, cambierebbero i requisiti e sarebbe necessario che anche le informazioni sul business venissero visualizzate in francese.

Marchi registrati

È possibile usare i marchi registrati in cataloghi, brochure, etichette di prodotti, cartelli esposti al pubblico e in pubblicità commerciale. Tuttavia, se esiste una versione francese del marchio registrato è necessario usare quella.

Contratti

I contratti predefiniti da una parte e stampati su moduli standard devono essere redatti in francese. Tuttavia, su esclusiva richiesta di una delle parti, possono essere redatti in un'altra lingua.

Francesizzare un'azienda

Le aziende che operano in Québec e hanno 50 o più dipendenti devono essere registrate e fornire un riepilogo della loro situazione linguistica a OQLF. Dopo che l'agenzia avrà revisionato ed esaminato le informazioni, determinerà se il francese è utilizzato o meno a tutti i livelli dell'azienda (ad esempio se il francese viene utilizzato per le comunicazioni tra il datore di lavoro e i dipendenti o se le opportunità di lavoro e le promozioni vengono offerte in francese) e rilascerà un "certificato di francesizzazione". Se l'azienda non soddisfa questi requisiti, deve adeguarsi e adottare un programma di francesizzazione.

Le aziende con 100 o più dipendenti sono tenute a istituire un comitato per la francesizzazione, il cui compito è monitorare l'uso della lingua francese all'interno dell'azienda e verificare che il suo uso sia comprovato a tutti livelli.

Per coprire i costi della francesizzazione è possibile richiedere sovvenzioni del governo. Per le aziende con un massimo di 99 dipendenti, OQLF può coprire fino al 75% dei costi associati (fino a $50.000 al lordo delle imposte). Le sovvenzioni coprono le spese per l'acquisto di tastiere, la traduzione di siti web e altro ancora.

Informazioni sulla localizzazione di contenuti online

Anche se il sito web della tua azienda è solo di tipo informativo e non transazionale, deve comunque essere disponibile in francese se hai delle filiali in Québec. Curiosamente, non è necessario tradurre le informazioni sugli stabilimenti o i negozi, contenuti nel sito, situati oltre i confini del Québec.

Se la tua azienda soddisfa i requisiti per offrire servizi a dipendenti e clienti in francese, ma non ha un sito web in francese, è possibile che tu riceva una richiesta di conformità da OQLF. L'agenzia ti richiederà anche di certificare la tua conformità se il tuo sito è in francese ma la traduzione è scadente.

Se la tua azienda non si conforma entro i tempi prestabiliti, la segnalazione verrà trasferita al Procuratore Generale. Le sanzioni possono variare da 1.500 dollari a 20.000 dollari.

MotionPoint offre un mezzo rapido ed efficace per tradurre, localizzare e ottimizzare i contenuti per i tuoi clienti in Québec o in qualsiasi altra parte del mondo. La nostra solida piattaforma di globalizzazione aiuta i marchi più famosi del mondo a raggiungere e a coinvolgere più clienti, ovunque si trovino.

Avatar di Caroline Dal Molin
Caroline Dal Molin

05 maggio 2016

LETTURA 4 MIN